quarto d'altino

Razzia di computer alla Roncalli

di Giovanni Monforte

Spariti nello scorso weekend 25 portatili e 12 tablet. Le insegnanti: «Aiutateci a ricomprarli»

QUARTO. I ladri fanno razzia all’interno della scuola media Roncalli di Quarto d’Altino, trafugati computer portatili e tablet. Secondo una prima stima, il bottino ammonterebbe a oltre 15 mila euro. «È un grave danno per la scuola», commentano le insegnanti, che lanciano un appello al buon cuore delle aziende del territorio e ad eventuali benefattori che possano dare un aiuto sotto forma di contributo o donazione, per ricomprare almeno parte delle apparecchiature sparite.

A lanciare l’allarme, ieri mattina, è stata una collaboratrice scolastica, che per prima era giunta in via Roma per aprire l’edificio. A scuola si sono subito precipitati il dirigente scolastico e i referenti del plesso.

Poi, allertati, sono arrivati anche i carabinieri, che hanno compiuto i rilievi necessari per avviare le indagini. Il furto è stato compiuto, con ogni probabilità, nel weekend. Ma sarebbe difficile stabilire esattamente quando, considerato che nell’istituto il sabato non si svolgono le lezioni. Di certo i ladri devono aver lavorato indisturbati per un bel po’, vista l’entità del bottino.

Stando a una prima ricostruzione, i soliti ignoti potrebbero essere entrati dall’ingresso che conduce alla palestra. Hanno divelto la porta che mette in comunicazione l’ala sportiva con l’edificio della scuola. Quindi, una volta all’interno del plesso, hanno fatto razzia. A un primo inventario, dall’istituto risultano spariti 25 computer portatili, 12 tablet usati dagli insegnanti per i registi elettronici, nonché degli altri notebook utilizzati per la didattica con i ragazzi con difficoltà. Non contenti i soliti ignoti hanno asportato anche un televisore, che era posizionato su un carrello mobile. Quindi, nella sala insegnanti, hanno scassinato pure la macchinetta del caffè, per prelevare qualche spicciolo.

Al danno per le apparecchiature rubate, vanno aggiunti quelli causati alle porte e alle serrature. Alla Roncalli si tratta della seconda visita indesiderata in poco tempo.

Lo scorso anno, però, i ladri si erano limitati a fare danni nella segreteria e negli uffici amministrativi. Questa volta, invece, hanno assestato purtroppo un colpo durissimo alla scuola, già alle prese con le ristrettezze dei finanziamenti statali.

Da qui l’appello delle insegnanti rivolto a chi, con una donazione o un contributo, possa dare una mano alla scuola per cercare di riacquistare almeno parte del materiale elettronico, così da garantire agli alunni un minimo di attività integrative.

©RIPRODUZIONE RISERVATA