Ecco le auto che non possono circolare da lunedì

di Francesco Furlan

Provvedimenti in vigore dalla prossima settimana con tre livelli d'intervento. Rosso e arancione: ferme anche le diesel Euro 4. Molte le deroghe

MESTRE. Città sempre più inquinata, auto pronte (ma non tutte) a restare in garage. Ieri la giunta di Ca' Farsetti ha approvato la delibera che recepisce l'accordo per il miglioramento dell'aria nel bacino padano nato da un'intesa tra le regioni Veneto, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna con l'obiettivo di applicare interventi condivisi e omogenei per limitare le polveri sottili. La delibera approvata dal Comune non si scosta dall'accordo tra le regioni - non è più incisiva, come alcune amministrazioni hanno scelto di fare - e prevede l'entrata in vigore delle limitazioni dal prossimo 23 ottobre al 15 aprile del 2018 con un'ampia finestra (dal 16 dicembre al 7 gennaio) per non bloccare lo shopping natalizio e la corsa ai regali. Un colpo di tosse in più in cambio di un pacchetto sotto l'albero.

Emergenza inquinamento, oggi si decide sul blocco delle auto a Mestre e Marghera

I dati dell'Arpav. Il piano prevede tre gradi di allerta (verde, arancione e rosso) per il Pm 10, riferiti alla stazione di riferimento della Bissuola. E se la qualità dell'aria continuerà a peggiorare come in questi giorni, già dal 23 ottobre potrebbe scattare il livello rosso. Il limite giornaliero di polveri sottili è già stato superato per 43 giorni (il massimo è 35) a fronte dei 28 sforamenti dello stesso periodo dell'anno scorso. Ma soprattutto da ieri il Comune di Venezia è entrato nel livello arancione e se fino a lunedì 23 - quando entrerà in vigore il piano - i valori di polveri sottili dovessero restare sopra i 50 microgrammi per cubo, potrebbe scattare il livello rosso.

Livello verde. Vuol dire che l'aria è al di sotto dei livelli di guardia. In questo caso le limitazioni riguardano (8.30-12 e 15-18.30) i veicoli a benzina Euro 0 e 1, i diesel 0,1 e 2 e i ciclomotori Euro 0.

Livello arancione. Scatta dopo 4 giorni consecutivi di superamento dei 50 microgrammi per metro cubo di pm10 e lascia un garage un numero maggiore di mezzi, come si legge nella tabella: le auto diesel fino agli Euro 4, e anche i veicoli commerciali Diesel fino agli Euro 3.

Livello rosso. Rappresenta il livello di massima guardia e scatta dopo il superamento per dieci giorni consecutivi dei 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili. Dal punto di vista delle limitazioni prevede, in più rispetto al livello arancione, il blocco dei veicoli commerciali Diesel Euro 4. Il livello rosso - come spiegato prima - potrebbe scattare già dalla prossima settimana, se i rilievi dell'Arpav continueranno a essere in linea con quelli di questi giorni.

Ecco la tabella riassuntiva da conservare.

Autovelox: ecco la mappa dei controlli da oggi a domenica 22 ottobre

Deroghe per molti. Come negli anni scorsi, è previsto anche un lungo elenco di deroghe, che comprende ad esempio i mezzi che trasportano farmaci, i veicoli degli ospiti degli alberghi che si trovano all'interno dell'area interdetta, ma anche i i veicoli adibiti per le cerimonie nuziali, i battesimi, le comunioni, le cresime o i funerali. E ancora: i veicoli portati dagli anziani con più di 65 anni, e veicoli per l'accompagnamento degli alunni di asili nido, scuole materne, elementari e medie trenta minuti prima e dopo l'orario di entrata e uscita.

Altre limitazioni. Nei giorni arancioni o rossi previsti limitazioni anche per gli impianti termici o le combustioni all'aperto. Ad esempio, nei giorni arancioni, è vietato usare impianti a biomassa che non siano classe 3 stelle (4 stelle giornate rosse). Per ciò che riguarda le combustioni all'aperto sia nei giorni del livello arancione è vietato accendere «barbecue, i falò rituali e fuochi d'artificio».

Il Comune. «Il Comune informerà i cittadini, qualora scattassero i livelli arancio o rosso, attraverso il sito e i social network», spiega l'assessore all'Ambiente Massimiliano De Martin, «è fondamentale che si siano adottate misure congiunte per affrontare l'emergenza inquinamento».

©RIPRODUZIONE RISERVATA