Concorso per infermieri «Errori gravi e numerosi»

di Francesco Furlan

L’Usl 3 scarica la società che organizzò le contestate selezioni al Taliercio  Il direttore generale revoca l’incarico delle prove per un posto da ostetrica

Il concorso per otto posti da infermiere all’Usl 3? A decretarne il disastro delle pre-selezioni di marzo erano stati gli stessi candidati che, in 4.200 giunti da tutta Italia dopo lunghissimi viaggi in autobus, si erano presentati al Palazzetto Taliercio. Graduatorie pubblicate e ritirate, candidati che vi risultavano due volte con punteggi diversi, candidati che non c’erano ma che risultavano aver partecipato alla prova. Ora, a sancirne la pessima riuscita, è la stessa Usl 3 che non ha caso ha deciso di scaricare la società Psychometrics, di Padova, che si era aggiudicata l’incarico per un importo di quasi 10 mila euro. L’appalto infatti riguardava, oltre al concorso di Mestre, anche quello per un concorso ex Usl 13 per un posto da ostetricia.

A occuparsi delle prove di questo secondo concorso - la cui data non è ancora stata fissata - ha sancito l’Usl con una delibera di qualche giorno fa, non sarà più la Psychometrics.

A spiegarne i motivi è la stessa Usl. «Nell’ambito della fase di preselezione del concorso relativo al profilo di infermiere si sono verificati gravi e numerosi inconvenienti imputabili alla ditta Psychometrics fra i quali la trasmissione in azienda - con relativa pubblicazione - di una graduatoria completamente errata dei candidati ammessi alla successiva prova scritta contenente errori di punteggio, presenza di candidati non presenti alla prova selettiva o duplicati di candidati».

Errori ai quali ha dovuto porre rimedio la stessa Usl, «facendosi carico di ulteriori verifiche interne al fine di garantire la corrette pubblicazione della graduatoria» scongiurano così il blocco della procedura. E’ innegabile quindi, rileva l’Usl nella delibera con la quale revoca l’incarico alla società padovana, che «la gestione da parte della ditta ha comportato per l’azienda un ingente danno di immagine».

Motivo per cui i fatti «hanno minato alla base la fiducia che l’azienda» senza contare che, prosegue l’Usl nella sua riflessione, «risultati tanto negativi pongono il dubbio delle reiterazione di errori nel caso di prosecuzione del rapporto con Psychometrcis per l’espletamento delle seconda procedura pre-selettiva». E quindi tanti saluti e arrivederci. Tra l’altro l’Usl Serenissima potrebbe anche decidere di citare la ditta per danno d’immagine. Una cosa è certa: a organizzare le pre-selezioni per un posto da ostetrica ci penserà qualcun altro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA