Pista ciclabile da finire La battaglia del Terraglio

di Simone Bianchi

Domenica in 150 hanno partecipato alla pedalata per sollecitare il cantiere  Poco più di mezzo chilometro tra via Pennello e via Gatta atteso dal 2004

In 150 si sono ritrovati domenica mattina per la Biciclettata d’Autunno lungo il Terraglio, un momento per denunciare i ritardi nella realizzazione del tratto di pista ciclabile tra via Penello a via Gatta. Poco più di mezzo chilometro di raccordo atteso dal 2004, e che andrebbe a completare un percorso più complesso che parte ben prima di Villa Salus.

La giunta Orsoni aveva a suo tempo messo a bilancio 962 mila euro per realizzare questo ultimo tratto, ma poi è caduta per le note vicende, e il commissario straordinario aveva in seguito stralciato il progetto dai capitoli di spesa comunali. Domenica l’associazione Terraglio e Dintorni ha organizzato questa biciclettata assieme alla Fiab di Mestre e alla locale Polisportiva, per far sentire ancora una volta la propria voce. Hanno pedalato famiglie e bambini, per poi concludere il loro giro in tarda mattinata nel parco di Villa Furstemberg. Ma non sono mancate le polemiche. Nel corso dell’uscita il consigliere comunale Gianpaolo Formenti ha infatti spiegato che «in sostanza la pista ciclabile si farà, ma non con le modalità e i costi del precedente progetto, perché è ritenuto costoso e impegnativo in quanto a sfalcio d’erba e manutenzione delle parti in legno. La soluzione si troverà perché tra privati e Comuni di Venezia e Mogliano c’è massima attenzione nell’arrivare a una felice conclusione. Si riprenderanno vecchi progetti e si andrà ad aggiornarli, ma tenendo conto anche delle difficoltà attuali per pedoni e traffico delle auto. Tempistiche? Nella prossima primavera si potrebbe arrivare al progetto definitivo e verso l’autunno al bando. Il tutto tenendo conto delle finanze disponibili». Marinella Pasquali, presidente di Terraglio e Dintorni, ribadisce con forza che «dopo tanti anni di inutile attesa, i cittadini hanno diritto di ottenere che il tratto della pista ciclabile tra via Penello e via Gatta venga realizzato con assoluta priorità, a prescindere dunque da altri interventi di riassetto della viabilità del Terraglio. Qualora si ravvisino margini di ottimizzazione dei costi dell’opera, che siano sfruttati al meglio, ma la pista va realizzata subito». E nella questione rientra anche il consigliere comunale Andrea Ferrazzi. «Da quel che mi risulta nei mesi scorsi il sindaco Brugnaro quel completamento di pista ciclabile l’ha ben promesso ai residenti. A una mia interrogazione non è ancora stata data risposta. Due settimane fa ho chiesto lumi all’assessore Boraso per inserire il progetto nel Documento unico di programmazione. Ancora niente. E in Consiglio mi è stato pure bocciato un emendamento. Questa Giunta ha decretato che non va finanziata l’opera».