l’iniziativa 

«Un corso a Cavallino per le calamità naturali»

CAVALLINO. «Attiveremo un corso del patentino dell’ospitalità dedicato a residenti e operatori tenuto dalla Protezione Civile sulla gestione delle emergenze durante le calamità naturali. Cavallino-Tre...

CAVALLINO. «Attiveremo un corso del patentino dell’ospitalità dedicato a residenti e operatori tenuto dalla Protezione Civile sulla gestione delle emergenze durante le calamità naturali. Cavallino-Treporti è località leader europea per il turismo all’aria aperta da oltre 60 anni perché impara da tutte le esperienze, anche e soprattutto da quelle negative». È l’annuncio del sindaco Roberta Nesto che intende proporre l’iniziativa già nella prossima edizione del patentino dell’ospitalità a tutte le categorie economiche della città coinvolgendole in questo percorso di approfondimento che ritiene necessario.

«Faremo tesoro anche di questa calamità che rischiava di interrompere la stagione nel periodo di massima importanza e non ci faremo trovare impreparati», commenta il primo cittadino, «abbiamo dato una lezione di buona volontà e decoro reagendo immediatamente alla distruzione, rimboccandoci le maniche, ora ci organizzeremo ancora meglio di prima affinando le procedure in caso di calamità anche in vista della realizzazione della nuova caserma della protezione civile locale».

Nel frattempo l’amministrazione comunale attiverà all’interno del municipio uno sportello di consulenza sulla compilazione dei moduli per le richieste di risarcimento da inviare alla Regione. «Vogliamo essere d’aiuto a tutti i residenti e operatori economici che hanno subito danni nel preparare le pratiche», aggiunge il primo cittadino, «la consegna alla Regione della prima relazione da parte del Comune da accompagnare alla relazione della protezione civile è fissata per domani. Il secondo step prevede la consegna al comune delle richieste debitamente compilate, corredate di foto e protocollate entro il 10 settembre in vista del termine ultimo fissato dopo una settimana, il 16 settembre, alla Regione di tutta la documentazione utile ai risarcimenti».

Francesco Macaluso