Schianto tra un’auto e un bus sei feriti, polemica sulla viabilità 

Marghera. Nell’incidente in via Minotto coinvolti un 86enne e cinque passeggeri del mezzo Actv tra i quali un bambino di due anni con la mamma. Il delegato Montefusco: «Qui si rischia ogni giorno»

Schianto ieri mattina a Marghera, all’incrocio tra via Minotto e via Beccaria che conduce verso Panorama e parco Emmer: coinvolti un autobus di linea carico di passeggeri in viaggio verso Venezia e la spiaggia. Bilancio: sei feriti, una Fiat Punto distrutta (ferito il conducente) e altre due auto coinvolte; molta paura sul bus e cinque passeggeri contusi. Polemiche su un’area che, dall’apertura della nuova via Luigi Russo, è sempre al centro dell’attenzione.

Mancava poco alle 11 quando, all’altezza dell’incrocio tra via Minotto e via Beccaria, un autobus della linea 6L diretto a Venezia si è scontrato frontalmente con una Fiat Punto grigia guidata da un 86enne di Marghera, proveniente dal Panorama che si stava immettendo sulla rotatoria. Dalle ricostruzioni dei presenti sembra che l’automobilista non abbia rispettato uno stop e si sia trovato di fronte al bus in arrivo, fortunatamente a velocità non eccessiva.

Lo scontro, nonostante il tentativo di frenata da parte dell’autista del bus è stato comunque violento, e a rimetterci è stata soprattutto la Punto, con la parte anteriore completamente distrutta. All’arrivo dei vigili l’anziano conducente della Punto è stato estratto con qualche difficoltà dalle lamiere. Ferito, ma cosciente, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale dell’Angelo per una verifica delle condizioni, mentre altre due ambulanze hanno soccorso e accompagnato agli ospedali di Mestre e Mirano l’autista del bus, contuso e in stato di lieve choc, e alcuni passeggeri, tra i quali una mamma con un bambino di nemmeno due anni.

La circolazione è rimasta bloccata per quasi un’ora, con deviazioni delle auto in direzione Marghera centro, giusto il tempo necessario per rimuovere auto e bus, ma a terra sono rimasti numerosi detriti e pezzi di vetro che hanno portato a rallentamenti per tutta la mattinata.

«Andiamo avanti da mesi a denunciare la pericolosità dell’incrocio» ha detto il delegato della Municipalità Carmine Montefusco che si trovava sul luogo dell’incidente «Ma non abbiano avuto nessuna risposta in merito. Da quando è stata aperta al traffico via Russo, qui ogni giorno si rischia l’incidente. Per ora non è per fortuna successo nulla di grave, ma questo è un chiaro monito ad agire in fretta. La rotonda, così come è in questo momento, non è più pensabile, data la contemporanea presenza di auto, tram e bici. Chiederemo al Comune una immediata revisione della viabilità e una messa in sicurezza».

Massimo Tonizzo

©RIPRODUZIONE RISERVATA