Con Facebook e Twitter Comuni sempre più social 

Un’indagine rivela che è Spinea, con Noale e Mirano, il portale più seguito dagli utenti di Internet. Il profilo del municipio sostituisce la coda allo sportello

SPINEA. È Spinea il Comune più social. Mirano e Noale si difendono bene. Gli altri devono crescere, molti non sono ancora al passo con i tempi. Nell’era di Internet e della connessione sempre a portata di mano, anche per gli enti è importante esserci. Da chi sperimenta tutti i nuovi canali, non solo il classico e più diffuso Facebook, ma anche Twitter, qualcuno addirittura Telegram (che permette canali a iscrizione) e Instagram, a chi su Internet con un profilo ufficiale ancora non ci è sbarcato, ecco la classifica dei Comuni più a portata di mano, che ai cittadini riservano e spesso confezionano servizi e informazioni sotto forma di post o tweet.

Spinea è il Comune più social e su Facebook è seguito da 5.526 utenti. Poi viene Noale con 4.226. Terza Mirano con 2.563, poi Dolo con 1.981 e, nell’ordine, Pianiga (1.364), Quarto d’Altino (1.179), Martellago (1.168). In pratica nella torta di chi segue i Comuni sui social network, Spinea si accaparra il 32% degli utenti, Noale il 25%, Mirano il 15%. Certamente incide anche il momento in cui i Comuni hanno deciso di sbarcare sulla rete e Spinea è stato tra i primi a farlo (più recente invece Mirano).

Ma oggi le regole del marketing parlano chiaro: contano soprattutto le interazioni. Non basta avere un profilo, serve aggiornarlo, interagire, perché molti cittadini ripongono in Facebook, a ragione o a torto (dipende dalle richieste) tutte le loro speranze: spesso anche le domande di informazioni o documentazione che un tempo si richiedevano solamente allo sportello o per telefono, ora diventano, per comodità o pigrizia, un post.

Su Twitter, social un po’ in calo, ma utile a divulgare, per esempio, messaggi veloci e rapidi, Spinea deve lasciare lo scettro a Noale per quanto riguarda i tweet inviati, 4.025, ma conserva il primato per i followers, ovvero i cittadini che seguono l’ente: 1.215. Noale ne ha solamente 186. Ci sono poi particolarità come Mira, che per esempio su Facebook non è presente con un profilo istituzionale, ma ci hanno pensato i 5 Stelle che l’hanno governata fino a pochi giorni fa a sopperire, con il profilo di “Mira a 5 Stelle”. Altri Comuni, come Santa Maria di Sala, non hanno una pagina ufficiale o ce l’hanno poco seguita (Scorzè). Fa eccezione chi è andato (o tornerà) al voto: là comunicano tutti, salvo poi sparire con pagine e profili a urne chiuse.

Filippo De Gaspari

©RIPRODUZIONE RISERVATA.