Si perde a Venezia e riabbraccia i genitori grazie a Fb

Disavventura a lieto fine per una bimba di 7 anni in vacanza con la famiglia. Soccorsa dai carabinieri

VENEZIA. Una bimba di 7 anni è persa nella calca dei turisti, ai piedi del ponte di Rialto - dal lato di San Polo - e dopo essere stata presa in custodia dai carabinieri, è riuscita a riabbracciare i genitori grazie a facebook. Sabato, intorno alle 10, la piccola di nazionalità serba si trovava insieme ai genitori vicino al Ponte di Rialto. La famiglia sta trascorrendo alcuni giorni di vacanza in città e ieri si stava dirigendo verso San Marco. Ma nella calca di turisti che in questi giorni affolla il centro storico, la piccola e i genitori si sono divisi.

La bimba ha cominciato a vagare, i gestori di alcuni locali l’hanno notata - all’inizio non si capiva bene se si fosse smarrita o meno - e hanno avvisato i carabinieri. A Rialto sono intervenuti i militari del nucleo natanti che, alle 10.30, hanno recuperato la bimba mentre stava per entrare in un bar. Non è stato semplice però, per il problema della lingua, riuscire a parlare con la piccola. Una donna ucraina si è improvvisata mediatrice linguistica, la bimba ha fornito il numero di telefonino dei genitori ma, forse per un problema di roaming, la connessione era impossibile.

La bimba è stata quindi accompagnata nella caserma di San Zaccaria dove, sempre grazie alla mediazione della donna ucraina, è stato possibile contattare la madre, attraverso messanger, il sistema di messaggi di facebook. Si è quindi appreso che, una volta resisi conto che la bimba si era allontanata, mentre la madre era rimasta ferma in attesa, il padre era partito alla ricerca della bimba, convinto di trovarla nei paraggi, e sottovalutando la complessità delle calli di Venezia. Quindi, anche per contattare il padre, i militari hanno fatto ricorso a Messanger. Intorno all’ora di pranzo la piccola ha potuto riabbracciare i genitori. I militari, da prassi, hanno segnalato l’episodio alla procura dei minori. (f.fur.)