Tragedie sulle spiagge a Jesolo e Cavallino: due anziani morti in poche ore

di Francesco Macaluso e Giovanni Cagnassi

Due malori fatali sul litorale veneziano: morti un'anziana turista austriaca e un sacerdote polacco di 80 anni. Inutili in entrambi i casi i soccorsi

VENEZIA. Due anziani morti sulla spiaggia in poche ore nel litorale veneziano: i due tragici episodi sono avvenuti a Jesolo e a Cavallino. In quest'ultima località vittima è stata una turista austriaca di 73 anni, trovata riversa sulla battigia a pochi passi dalla famiglia. A tradirla il mancamento che le ha fatto affondare il volto nell'acqua, i familiari l'hanno trovata riversa vicino al bagnasciuga.
 
La scoperta attorno alle 11 di mattina nella zona di Ca' di Valle a Cavallino-Treporti. L'allarme è stata lanciato all'altezza della quindicesima torretta della spiaggia della località balneare. I primi a soccorrerla sono stati i bagnini che vigilano su quel tratto di arenile, che hanno sollevato l'anziana dalla posizione che non le permetteva di respirare e l'hanno accomodata nella sabbia asciutta. Gli addetti al salvamento mentre chiamavano i soccorsi del Suem 118 hanno attivato tutta la procedura di rianimazione ma ogni tentativo è stato vano. Atterrato anche l'elicottero del Suem, ma inutilmente, l'elicottero è tornato indietro vuoto. La capitaneria di porto di Jesolo e Cavallino-Treporti intervenuta sul posto ha ribadito la massima attenzione per i bagnanti per il pericolo di shock termico per i cambi repentini di temperatura in questo finire di stagione
 
A Jesolo un anziano turista polacco è morto sulla spiaggia davanti a piazzetta Casa Bianca. Si tratta di un 80enne sacerdote in vacanza. Camminava in un metro d'acqua quando si è sentito male, probabilmente a causa di un infarto. Sembra infatti soffrisse problemi cardiaci. I guardia spiagge  della Jesolmare lo hanno raggiunto dalla torretta 13 e trascinato a riva per rianimarlo. È arrivato anche l' elisoccorso del suem sopra i cieli di piazzetta Casa Bianca ma poco dopo il suo cuore ha cessato di battere. I sanitari e i bagnini hanno fatto di tutto per rianimarlo anche con l' aiuto di un medico che si trovava in spiaggia ma alla fine ne è stato decretato il decesso.