IL REPORTAGE

L’erba alta si riprende i terreni contaminati

di Carlo Mion

Nel ventre di Porto Marghera: difficile individuare i settori ancora in attività tra capannoni dismessi, impianti fermi e i fantasmi di un passato di morte