Immigrazione illegale. Arrestata una donna

Agenti della polizia di frontiera hanno fermata un'italiana sospettata di far parte di un'organizzazione che lucrava sui viaggi dei "disperati"

VENEZIA. Una donna italiana stata arrestata a Conegliano dalla polizia di frontiera di Venezia.
Nei suoi confronti era stato emesso un ordine di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione illegale.
Il viaggio con false identità al costo di 3-4 mila euro
Si tratta di un'appendice dell'operazione "Ultima frontiera", coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Venezia, che si era svolta il 13 luglio scorso e aveva consentito di smantellare una banda specializzata nel reclutamento di cittadini albanesi e kosovari da far entrare nel Regno Unito grazie all'utilizzo di documenti italiani contraffatti. Materiali in parte rubati in bianco e in parte forniti da giovani connazionali in cambio di denaro.