Pista ciclabile volata via arriva il sequestro dei vigili

di Mitia Chiarin

Sigilli alle assi di legno divelte sabato scorso dal vento sul ponte della Libertà Da chiarire eventuali responsabilità. Il Comune: bisogna ripararla subito

Una informativa alla Procura da parte della Polizia municipale che ieri pomeriggio ha messo i sigilli del sequestro alle assi di legno, volate sabato dalla pista ciclabile a sbalzo sul ponte della Libertà. Una ipotesi di reato ancora non c’è, ufficialmente. «Stiamo eseguendo tutti gli accertamenti del caso», spiega solo il comandante della Polizia municipale Agostini.

Intanto da Ca’ Farsetti è arrivato l’ordine da parte del sindaco Luigi Brugnaro e dell’assessore Renato Boraso di ripristinare urgentemente la pavimentazione, sradicata dal maltempo. «Lavori pubblici e Avm hanno il mandato di svolgere il più velocemente possibile i lavori di sistemazione della pavimentazione e ripristinare il tratto di ciclabile oggi interrotto. Questo è l’importante e stiamo velocizzando anche i cantieri del secondo tratto della ciclabile, dai Pili al Vega di Marghera. Contiamo di bandire la gara al più presto», spiega dal Comune di Venezia l’assessore alla Mobilità. L’informativa in Procura e il successivo sequestro delle assi volate via sabato (realizzate in legno e plastica antisdrucciolo), e finite sull’asfalto del ponte della Libertà, senza fortunatamente ferire nessuno, ma bloccando la circolazione sul ponte in direzione di piazzale Roma, sono un atto dovuto per eventi di questo tipo. Spetterà alla Procura valutare se quanto è successo è esclusivamente conseguenza del maltempo, che nella stessa zona, ha colpito anche in passato o ci sono state mancanze nella costruzione della passerella ciclabile a sbalzo che possono aver concorso all’incidente di sabato scorso. Le verifiche in corso da parte della polizia locale intendono fare luce anche su questo aspetto che per ora non trova riscontri. Sistemare la ciclabile, spiega Boraso, costerà circa 10 mila euro mentre il danno, in un primo momento era stato quantificato dall’amministrazione comunale in circa 40 mila euro. Un sopralluogo tecnico alla ciclabile, consegnata al Comune circa due mesi fa ma ancora non collaudata, era stato eseguito di recente anche dai Lavori pubblici, conferma l’assessore Zaccariotto, e non erano emerse mancanze ma era prevista una sistemazione della cartellonistica della pista a sbalzo.

L’obiettivo del sindaco Brugnaro è quello di vedere sistemato il danno entro questa settimana e i lavori saranno a carico dell’impresa che ha costruito la struttura a lato del ponte su cui far transitare le biciclette. La passerella è stata realizzata dalla Boemio costruzioni, l'azienda che nel maggio 2014 si era aggiudicata l'appalto di Avm con un ribasso d'asta del 20% e un offerta di 1 milione e 300 mila euro. Lavori che non sono stati facili, va ricordato, per le varie interferenze con i cantieri del tram per l’avvio della linea per Venezia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA