L’Oscar dei giochi di società parla veneziano con “Marco Polo”

di Massimo Tonizzo