Alla Pellegrini il Lungomare delle stelle 2015

Jesolo. Il sindaco punta sulla campionessa per rilanciare il turismo sportivo dopo gli ultimi successi

JESOLO. Torna il lungomare delle stelle, il Comune lo dedica a Federica Pellegrini. Il giusto tributo dopo anni di vittorie straordinarie, le ultime due medaglie d’argento ai mondiali.

E soprattutto anni e anni di vacanza sempre a Jesolo, prima con papà e mamma e poi sola o con gli amici. Per il momento non è ancora ufficiale, ma dopo la scorsa estate in cui non ci furono intitolazioni, adesso il Comune è pronto a rilanciare come fece due anni fa con Del Piero in ritiro a Jesolo con la sua squadra. E la Pellegrini, anche se non è ufficiale, sarebbe il nome giusto per Jesolo e per il Veneto. Il turismo sportivo è diventato la nuova frontiera dell'economia jesolana. Presenze inaspettate, anche da sport considerati minori che si sono rivelati delle vere sorprese per le presenze di appassionati giunti sul litorale. Era già accaduto lo scorso anno con il beach soccer che purtroppo non si e' ripetuto. Recentemente se ne è parlato anche con il vice direttore di Sky Sport, Lorenzo Dallari, a Jesolo per la presentazione del suo libro sulla pallavolo italiana alla locanda alle Porte 1632 e poi in piazza Drago. Lo stesso Dallari, assieme all'assessore allo sport Ennio Valiante, ha evidenziato le ottime potenzialità di Jesolo, il palasport, la conquista della tappa del Giro quali importanti segnali per il futuro. Il sogno sono adesso i mondiali di Beach volley. Jesolo ha ospitato intanto tra maggio e giugno i campionati mondiali di Tae Kwon do, arte marziale coreana e olimpica. Una sorpresa, con 10 mila presenze alberghiere certificate e uno spettacolo incredibile con atleti, parenti, amici e supporter da ogni parte del mondo che hanno colmato la città con il loro folklore. Poi la world league di volley, la tappa del Giro e la città in rosa, il camp del cestista Danilo Gallinari.

«Questa vocazione sportiva della città», ha detto l'assessore Valiante, «non può farci che piacere e darci nuovo forza per crederci ancora di più. Anche perché attrae ogni anno milioni di presenze legate agli eventi». «Dallari, vice direttore di Sky sport», continua l’assessore «è stato favorevolmente colpito da questa nostra peculiarità confermando che una tappa del giro non è certamente una scelta casuale e che le nostre potenzialità sono notevoli». Il sindaco è entusiasta. «Abbiamo davvero una possibilità straordinaria», dice Valerio Zoggia, «di lanciare la città nel firmamento del mondo sportivo che raccoglie attorno a se' milioni di appassionati in tutto il mondo». (g.ca.)