Scoperti 17 bengalesi ammassati nell'appartamento per 5 persone

Due sono clandestini, 3 minori. Tutti in 80 metri quadri e in condizioni igienico-sanitarie precarie. Multa di 450 euro a proprietario e locatore

JESOLO. Dormivano in 17 dentro un appartamento affittato per 5 persone. A scoprire l’abuso gli agenti della Polizia Locale, nel corso di un controllo mirato coordinato dall’assessore alla sicurezza Luigi Rizzo.

Il sopralluogo è avvenuto in una palazzina di via Puccini, nella zona ovest del lido, in un appartamento di circa 80 metri quadrati. Quando gli agenti si sono fatti aprire la porta hanno contato ben 17 persone tutte di nazionalità del Bangladesh, tre delle quali minorenni.  

L'appartamento era in scarse condizioni igienico-sanitarie, dovuto all'ammassamento di tutte queste persone ed anche alla scarsa igiene dei locali, oltre che dei muri insalubri. Due bengalesi, tra l’altro, sono risultati clandestini per cui si è reso necessario il trasporto negli uffici del Comando di polizia locale per le operazioni di identificazione e di foto-segnalamento.

Il proprietario dell'appartamento ed il locatario sono stati multati con una sanzione di 450 euro, in quanto l'appartamento si presentava sovraffollato e dovrà, inoltre, sgombrare i locali dall'eccedenza di persone entro tre giorni, in caso contrario ad un nuovo accertamento scatterà lo sgombero d'ufficio ed il sequestro dell'immobile. Da parte degli agenti della polizia locale verranno eseguiti anche ulteriori accertamenti con l'ufficio tecnico per verificare se l'appartamento risulta avere ancora i requisiti per l'agibilità.

«L’azione di controllo della Polizia Locale insiste anche su questo fenomeno che purtroppo si ripete ogni anno durante la stagione estiva – commenta l’assessore Rizzo – Ci rendiamo conto che la colpa non è tanto di chi troviamo all’interno ma di chi affitta questi appartamenti senza verificarne, poi, il reale utilizzo. I controlli proseguiranno e invitiamo i cittadini segnalarci i casi sospetti».